IT
  • English
  • Čeština
  • Español
  • Deutsch
  • Polski
  • Français
  • 日本語
Login

Stampe FDM adatte al contatto con alimenti

Ultimo aggiornamento 2 years ago
Questo articolo è disponibile anche nelle seguenti lingue: 
CSDEENESFRJAPL

La stampa 3D adatta al contatto con gli alimenti non è così semplice come potrebbe sembrare. Qui di seguito vengono delineate alcune delle problematiche. Consigliamo inoltre di controllare il nostro articolo sul blog dove illustriamo le nostre ricerche sul processo.

Materiali

Il PETG, e talvolta il PLA, sono acclamati nella comunità della stampa 3D per essere chimicamente neutri e come materiali praticamente atossici per gli alimenti. Le bottiglie di plastica di bibite, i contenitori per alimenti e le scatole per insalate sono realizzati in PET, un parente stretto del PETG.

Il problema, con tutti gli oggetti stampati in 3D, in generale, è che sono fatti a strati. Le scanalature tra questi strati sono un ricettacolo di batteri, in quanto sono quasi impossibili da pulire correttamente, e trattengono i residui.

Un altro problema è quello dei pigmenti colorati e degli additivi sconosciuti. Questi potrebbero non essere neutri per l'organismo come la plastica pura. È anche difficile dire esattamente quanta di queste sostanze ci sia. Un filamento di PETG Naturale / puro senza alcun colorante, sarebbe la scelta migliore, ma è difficile dire esattamente che cosa contiene. Alcuni filamenti sono approvati dalla FDA, ma spesso con un asterisco come "Approvato tranne il rosso, l'arancione e il rosa". Nel nostro articolo sul blog tracciamo una mappa di quali dei nostri filamenti di Prusament si possono usare e quali no.

Ci sono, tuttavia, rivestimenti epossidici certificati per alimenti che è possibile applicare al modello stampato.

Applicazione

Bottiglie, no. Un tagliabiscotti, forse. Non dovrebbero esserci molti problemi per stampare i propri tagliabiscotti personalizzati, ma poiché le linee di livello raccoglieranno il cibo, i batteri cresceranno, quindi sarà qualcosa che si vorrà buttare via dopo un certo periodo di utilizzo.

Lo stesso vale per il sapone e il detersivo se si pensa di poterlo semplicemente lavare. Le linee degli strati possono assorbire queste sostanze chimiche, che in seguito possono essere rilasciate su qualcosa che si vuole mangiare.

(M)SLA Le stampanti in resina sono praticamente prive di linee. Non posso usarle?

Di nuovo, no. Possono esserci resine non polimerizzate e altri contaminanti sopra e nella stampa. Ci sono resine biocompatibili, ma sono altamente specializzate e molto costose. Inoltre, si basano su specifiche considerazioni per la polimerizzazione e la post-elaborazione.

Ugello

Anche l'ugello utilizzato fa la differenza. L'ugello standard in ottone non è considerato sicuro per gli alimenti, poiché si consuma. È un materiale di consumo. Dove va a finire il materiale consumato? Nella stampa. Pertanto, un ugello in ottone morbido non va bene. Avreste bisogno di un ugello in acciaio inossidabile o di un ugello in titanio se si sta anche solo pensando di stampare pensando agli alimenti.

Dunque cosa posso fare?

Ci sono materiali di rivestimento in resina epossidica in commercio che sono stati ritenuti adatti. C'è anche la possibilità di utilizzare le stampe 3D semplicemente come stampo per i materiali e i metodi di produzione adatti. Abbiamo fatto alcune ricerche ed è possibile leggere di più sulla stampa 3D adatta al contatto con gli alimenti nel nostro articolo sul blog.

Conclusioni

In teoria è possibile, ma sono necessarie preparazioni speciali e post-elaborazione. Se lo si vuole veramente, non è così semplice come ottenere un po' di PETG, e stampare ciò che si vuole. Fare una ricerca adeguata, in modo da non mettere a rischio la salute o la sicurezza di nessuno!

Sconsigliamo l'utilizzo di stampe 3D come contenitori per alimenti, ecc.!
Questo articolo è stato utile?

Commenti

Devi aver effettuato l'accesso prima di aggiungere un commento.
0
Hai ancora delle domande?

Hai ancora delle domande?

Se hai una domanda su qualcosa che non è trattato qui, dai un'occhiata alle nostre risorse aggiuntive.
E se questo non dovesse funzionare, è possibile inviare una richiesta a info@prusa3d.com o tramite il pulsante qui sotto.